Eventi

Un calendario atipico

 

L’ emergenza Covid ha rivoluzionato i calendari, e le condizioni atmosferiche, in particolare con l’avanzare della stagione calda, rappresenteranno una chiave importante per la lettura e l’interpretazione dei risultati, sia per i runner che per gli allenatori.  Diversi eventi di endurance, si disputeranno infatti in un periodo dell’anno tutt’altro che ideale alla corsa sulle lunghe distanze. Solo per citarne alcune la Maratona di Brescia a fine Maggio, la mezza maratona di Verona a Giugno, la maratona di Roma a Settembre.

 

Il tema coinvolge l’allenamento, la performance, ma anche, in senso più ampio, la salute e merita dunque la massima attenzione.

 

RunBull App: la risposta ad una domanda che ti sei sempre fatto!

 

RunBull è la prima App di analisi dedicata al Running, in grado di misurare gli effetti delle condizioni atmosferiche e del dislivello sulla performance degli atleti. Oggi utilizzata in versione di lancio da migliaia di amatori e numerosi top Runner in preparazione a Tokyo 2021, consente, selezionando una località, di conoscere la tattica di gara ottimale, e, al termine della corsa, scoprire quanto il percorso e le condizioni meteo abbiano influito sul tempo realizzato fornendo dunque al suo utilizzatore una stima del risultato ottenibile in condizioni ideali.

 

Dove si è corso nel week end?

 

A Trieste, nella mezza maratona il lombardo Michele Palamini la spunta su Said El Otmani e Hicham Boufars riuscendo a chiudere in 1:04’37”. Al femminile invece, Francine Niyokomuzi (Burundi-Atletica Castello) si aggiudica la corsa in 1:13’55”.

Nella città della Barcolana, il percorso percorso ondulato ed una mattinata dal clima umido (14° 85%, anche con qualche goccia di pioggia), non hanno permesso performance eccezionali. La stima RunBull indica un Gap rispetto a condizioni ideali compreso tra 1’10” (del vincitore) e 3’00” (degli atleti più lenti). Notevoli in questo senso le prestazioni del vincitore Palamini che dimostra di avere le carte in regolare per confermarsi sotto l’ora e 4 minuti e di BAMOUSSA Abdoullah che vale certamente un tempo inferiore all’ora e 5′.

 

In Alto Adige, nella mezza maratona di Merano Michael Hofer si impone in 1:07’28” su Hannes Perkmann (Raiffeisen) 1:08’00” e Markus Ploner (Sterzing) 1:08’12”. Tra le Donne: 1° Arianna Lutteri (Team Km) 1:23’27”.

 

Nella Top Ten anche Peter Lanziner (in coda troverete la sua prestazione estratta dall’App RunBull) che ci da modo di determinare le difficoltà del percorso (perdita di tempo stimata tra 35″ del vincitore e 1’30” degli atleti più lenti) e delle condizioni atmosferiche, non particolarmente disagevoli ma certamente non ideali per atleti non ancora acclimatati (15° 67%). La stima di tempo complessivo perso dagli atleti va da 50′ del vincitore ad oltre 2’00” per gli atleti più lenti, che inoltre hanno completato la loro prova nella tarda mattinata in condizioni di disagio più elevate.

 

Infine abbiamo analizzato le prestazione del 10.000m corso a Molfetta dove si sono disputati i campionati Italiani su pista.

Al maschile si impone AOUANI Iliass (Casone Noceto) in 28:26.38 su MONDAZZI Alberto  28:51.28 e CRIPPA Nekagenet  C.S. ESERCITO 28:53.34.  Al femminile MERLO Martina C.S. AERONAUTICA MILITARE si laurea campionessa in 34:23.25 precedendo ARNAUDO Anna – BATTAGLIO C.U.S. TORINO ATL e LONEDO Rebecca ATL.VICENTINA 34:29.53 . A Molfetta temperatura ed umidità (23° C 30%) sono risultate perfette per correre forte, ma il vento a tratti fastidioso (con raffiche superiori ai 20km/h), ha determinato una lieve influenza negativa sulle prove degli atleti, in particolare per coloro che hanno corso buona parte della gara in solitaria. Il gap rispetto a condizioni ideali è stimato dai nostri algoritmi tra 5″ e 10″.

 

SuperChallenge

 

Qual è la migliore prestazione del weekend?

AOUANI Iliass con un Run Power 97.2 è il migliore atleta, seguito da Michele Palamini (tempo ideale stimato sui 21,0975 km di 01:03:30) Run Power 97.1 PT, e Mondazzi 96.8 PT.

Per tutti e 3 gli atleti i dati di analisi indicano un wattaggio alla soglia poco inferiore a 6 WATT/kg.

 

Rimanete collegati, con l’inizio delle corse in montagna ci saranno delle sorprese importanti!

Scarica gratuitamente l’App RunBull per scoprire un nuovo modo di correre e comprendere le tue prestazioni!

#thepowerofhumanengine

La prova di Peter Lanziner (App RunBull)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *